Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, facendo lo scroll di pagina o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.
  • Home
  • Elenco News
  • Sacchetti dell’ortofrutta: ecco perché sono a pagamento
Ambiente Consumo Qualità 03 gennaio 2018

Sacchetti dell’ortofrutta: ecco perché sono a pagamento

Dal 1 gennaio 2018 i sacchetti ultraleggeri per gli alimenti sfusi devono essere biodegradabili e a pagamento: una nuova legge, per la tutela dell’ambiente! Scopriamo insieme i dettagli.

La legge parla chiaro: dal 1 gennaio 2018, in tutti i punti vendita, i sacchetti utilizzati per imbustare frutta e verdura sfuse dovranno essere biodegradabili e compostabili, con almeno il 40% di materia prima rinnovabile, e soprattutto dovranno essere a pagamento per i clienti, come già accade per le buste della spesa. Perché?

L’obiettivo è quello di diminuire la diffusione della plastica nell’ambiente e sensibilizzare i consumatori al consumo consapevole anche dei sacchetti in bio-plastica, il cui valore è spesso sottovalutato: basta pensare ad esempio a quanti sacchetti usa e getta, anche biodegradabili, sono utilizzati impropriamente, o ai sacchetti in plastica, ormai illegali dal 2012, ancora ampiamente diffusi, che finiscono in mare o sulle nostre coste.

Si tratta di un importante cambiamento nel modo di fare la spesa, a cui pian piano ci abitueremo ma che ci renderà sicuramente più consapevoli dei nostri consumi e dell’impatto che hanno sull’ambiente che ci circonda.

La Cooperativa ha scelto di far pagare ciascun sacchetto 2 centesimi di euro, cifra che copre solo in piccola parte il costo effettivo, non riversandolo così totalmente sul consumatore: il materiale biodegradabile ha un costo molto superiore rispetto alle materie plastiche finora utilizzate per i sacchetti distribuiti gratis!

Nei nostri punti vendita, l’utilizzo di questo tipo di sacchetti riguarda solo il reparto ortofrutta, e per questioni igieniche e di sicurezza, i consumatori non potranno riutilizzarli o portarseli da casa. Se nella tua città si pratica la raccolta differenziata, potrai però riutilizzare i sacchetti per la raccolta dell’umido.

Per quanto riguarda la modalità di distribuzione dei sacchetti, non cambia nulla, perchè li troverai come sempre nel reparto ortofrutta; mentre il costo di 2 cent ti verrà addebitato automaticamente alle casse, per ogni prodotto che prevede l’utilizzo di un sacchetto, e sullo scontrino visualizzerai due righe distinte, una per il prodotto, una per il sacchetto.