STELE IN CALCARE

Stele funeraria (fine I sec a.C.)

Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo Villa Frigerj, Chieti

Una stele a pseudoedicola, ritrovata vicino a Quadri, che raffigura la defunta in posizione frontale

REGIONE

Abruzzo

SI E' VOTATO

DAL 1 al 30 giugno

2.299 VOTI 55%

L'opera e il suo restauro

Grazie al tuo contributo questa opera d’arte è stata restaurata

Le fasi del restauro in sintesi

  • Indagini preliminari petrografiche
  • Pulitura
  • Stuccature e riempimenti
  • Integrazione estetica
  • Consolidamento
  • Applicazione del protettivo

Stato di avanzamento dei lavori
24/02/2021

Le ultime novità

News del 14/04/2021
Opera tua: il restauro della Stele funeraria

Il video. Ecco il video del restauro, presentato anche nella conferenza stampa di lancio di Opera tua 2021 tenutasi il 13 aprile e che ha visto intervenire Mario Cifiello, presidente di Coop Alleanza 3.0, Enrico Quarello, direttore Politiche sociali e relazioni territoriali della Cooperativa, oltre a Enrico Bressan, presidente di Fondaco, partner dell'iniziativa. Nel corso dell’appuntamento anche i contributi di Isabella Brega, caporedattore centrale riviste e siti Touring Club Italiano e Carlo Francini, coordinatore scientifico Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale.

 

News del 24/02/2021
Opera tua: il restauro della Stele funeraria

Restauro terminato! Ecco le immagini finali della stele tornata al suo splendore originario.

News del 15/02/2021
Opera tua: il restauro della Stele funeraria

Le stuccature. Ecco le immagini delle stuccature, prima e dopo, e del trattamento anti ruggine.

News del 12/02/2021
Opera tua: il restauro della Stele funeraria

Acqua e aria. Ecco le immagini della pulitura ad acqua ed aria.

News del 10/02/2021
Opera tua: il restauro della Stele funeraria

La pulitura. Ecco le immagini della pulitura con gli impacchi con carbonato, prima e dopo.

News del 04/02/2021
Opera tua: il restauro della Stele funeraria

Restauro in partenza. Ecco le immagini delle prime operazioni di pulizia e degli impacchi. La restauratrice incaricata del lavoro è la D.ssa Federica Marini Recchia di Roma.


toggle

Dettagli opera

Storia dell'opera

La stele funeraria in pietra calcarea, già nota nel XIX secolo, fu riscoperta nel 1936 “lungo il sentiero che mena a Quadri, a breve distanza dalla chiesa di S. Maria dello Spineto”. La chiesa, risalente al IX-X sec. a.C., era costruita sul podio di un tempio italico di II-I sec. a.C. nei pressi dell’antica Trebula, uno dei centri sannitici ascritto alla popolazione dei Pentri. La parte alta della stele è costituita da un timpano triangolare decorato con acroteri a palmetta al centro e a semipalmetta agli angoli; un solco separa il timpano dalla cornice che racchiude la nicchia sottostante. Le facce laterali e posteriori sono appena sbozzate. All’interno della nicchia, con pareti strombate, è raffigurata la defunta in posizione frontale fino all’altezza dei fianchi. La donna indossa un chitone e un mantello (himation) che avvolge anche il capo e ricade in due drappeggi, rispettivamente dalla mano destra e dalla mano sinistra, che ne trattiene un lembo. La mano destra è aperta e portata alla spalla, mentre la sinistra, sull’addome, è leggermente più grande e mostra le prime tre dita distese, le ultime due ripiegate. L’adozione della stele ad edicola di tipo ellenistico rientra nel clima di recupero classicista in chiave italica che interessa anche i monumenti funerari in età tardorepubblicana. Nonostante l’aspetto consunto delle superfici e la perdita quasi totale di dettagli apprezzabili, la capigliatura della donna ricorda quella di Ottavia, madre di Augusto, ciò che consente di datare la stele alla fine del I sec. a.C. Il tipo di monumento funerario rientra in una produzione che conosce confronti in ambito italico centro-meridionale tra II e I sec. a.C. e che include il Sannio, l’Irpinia, la Campania e la Lucania. La stele è corredata da un’iscrizione che ricorda il monumento come opera realizzata su commissione di due liberti, Lucio e Gaio Ofinio per la loro patrona, Ofinia Arista.

Le caratteristiche del restauro in sintesi

Dopo un'analisi dello stato di salute della pietra calcarea e una generale ripulitura, si procederà con stuccature e riempimenti per arginare l'aspetto consunto delle superfici. Alla fine del procedimento applicheremo un protettivo alla stele per permettere una sua conservazione nel tempo.



QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE

Alcuni cookie sono tecnici perchè necessari al corretto funzionamento del sito, altri cookie sono di profilazione per assicurare un’esperienza di visita coerente con i tuoi gusti, e altri sono di Terze Parti. Maggiori informazioni anche riguardo il loro monitoraggio e  disabilitazione sono disponibili nella Cookie Policy

 

Clicca su Accetta o naviga il sito per dare il tuo consenso all’uso dei cookie

Inserisci ora il codice OTP che trovi nel messaggio SMS che ti è stato inviato.
Non hai ricevuto l'SMS?
Richiedi nuovo invio
Richiesta effettuata con successo
Non hai ricevuto l'SMS? Chiedi un altro codice

Non ricevi più SMS sul quel numero?

Recati in negozio e comunica a sportello il nuovo numero per poter riabilitare la funzionalità OTP. Questo passaggio è necessario per garantire la sicurezza delle future operazioni che svolgerai.

Operazione completata con successo