Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, facendo lo scroll di pagina o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.
Legalità Valori Soci 11 marzo 2019

La primavera della legalità fiorisce con Libera

Coop Alleanza 3.0 è al fianco di Libera il 21 marzo per la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

È il 23 maggio del 1993, una bella giornata quasi estiva, e sull’autostrada tra Punta Raisi e Palermo sono in piedi sotto al sole magistrati, uomini delle istituzioni e delle forze di polizia e semplici cittadini. Ricordano, ad un solo anno di distanza, la strage avvenuta tra le curve di quell’autostrada, in prossimità dello svincolo per Capaci, là dove ancora la roccia della collina è devastata dall’esplosione. Una donna, Carmela, si avvicina a Don Luigi Ciotti, assorto nella preghiera, e gli dice, fiera: “Sono la mamma di Antonino Montinaro, il caposcorta di Giovanni Falcone. Perché il nome di mio figlio non lo dicono mai? È morto come gli altri”. Si parla sempre de “i ragazzi della scorta”, ma Carmela ha perso un figlio, e vuole solo sentire pronunciare il suo nome, perché non può avere le risposte alle domande che la fanno piangere. Nasce così, da una parola detta sottovoce alla fine di un maggio siciliano, da una mano appoggiata sull’altra in cerca di conforto, la Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera dal 1996.

E la legalità, la verità e la giustizia sociale scelgono di sbocciare ogni anno il primo giorno di primavera: ogni 21 marzo, da allora, viene scelta una piazza di una città diversa per ricordare insieme, leggendo come un lungo rosario laico quei circa 1000 nomi e cognomi che si vogliono e si devono pronunciare. Quest’anno, dopo Roma, Niscemi, Corleone, Torre Annunziata, Nuoro, Torino, Polistena, Potenza, Genova, Foggia, e tante altre, la piazza principale sarà Padova. E tra i nomi dei morti innocenti per mano delle mafie ci saranno anche quelli delle vittime di una zona d’Italia, il Nordest, dove la strutturazione locale del fare impresa, degli scambi commerciali, culturali e sociali esistenti, ha prodotto ricchezza e prospettive possibili e, nel medesimo tempo, si è trasformata in una calamita per gli interessi e le strategie espansive delle organizzazioni mafiose. Numerose iniziative di Libera coinvolgeranno anche altre località del Veneto, del Friuli-Venezia Giulia e delle province autonome di Trento e Bolzano, ma anche in Europa e in America Latina: scoprile tutte.

A fianco di Luigi Ciotti, nel lungo corteo in memoria delle vittime innocenti delle mafie sfilerà una rappresentanza di Coop Alleanza 3.0, che da oltre 11 anni è a fianco a Libera, e che sosterrà la manifestazione con iniziative sul territorio, scopriamole insieme:

Tra le iniziative sostenute da Coop Alleanza 3.0 a fianco di Libera, c’è anche E!State Liberi!: ogni anno i giovani soci vengono invitati attraverso un bando a partecipare ai campi di impegno e formazione di Libera nei terreni confiscate alle mafie, dove i ragazzi hanno anche l’opportunità di partecipare a incontri e visite formative per vivere concretamente i valori della legalità e della giustizia sociale.

Inoltre, dal 14 al 27 marzo negli ipercoop ed extracoop, e dal 7 al 20 marzo nei supermercati, saranno in sconto per tutti i clienti i prodotti di Libera Terra, che sono prodotti molto speciali: giusti ed etici, perché provengono da terreni sottratti alle mafie in Sicilia, Puglia, Calabria e Campania e lavorati da cooperative sociali guidate da Libera, e buoni, per la grande qualità nutrizionale e i profili organolettici delle migliori materie prime di agricoltura biologica.


Reggio Emilia

Oltre i cento passi
Sabato 23 marzo ore 15 – Spazio Buona Pausa ipercoop Ariosto

Presentazione del libro “Oltre i cento passi”, pubblicato da Piemme, con l’autore Giovanni Impastato, fratello minore di Peppino Impastato, icona della lotta alla Mafia assassinato nel 1978. L’autore sarà intervistato da Domenico Ammendola. Questo libro fa il punto della situazione delle mafie - e delle antimafie - in Italia, dall’osservatorio di Casa Memoria e del Centro Impastato, da quarantanni in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata. Evento gratuito a cura di NoveTeatro; per info: tel 331 4426784; info@noveteatro.it

 

Vuoi scoprire altri articoli come questo?  

Leggi tutte le notizie