Più vicini: raccontiamo i progetti

Qualche curiosità direttamente dai protagonisti

Gettone dopo gettone siamo arrivati... Più vicini ai nostri territori! E proprio dalla voce di chi li vive tutti i giorni, possiamo conoscere come verranno sviluppati alcuni progetti che hanno partecipato.

A ottobre 2021 infatti, grazie a Più vicini, online e nei punti vendita della Cooperativa, soci e clienti hanno scelto uno dei tre progetti locali, proposti dai Consigli di Zona soci di Coop Alleanza 3.0.

Nei negozi sono stati donati oltre 7 milioni di gettoni: così i 500 progetti promossi in collaborazione con 490 realtà locali saranno finanziati dalla Cooperativa in modo proporzionale alle preferenze ricevute, con oltre 200.000 euro.

Scopriamo insieme 3 progetti che hanno partecipato

Paniere delle Eccellenze di Puglia per sostenere ANT

La Fondazione ANT è conosciuta su tutto il territorio nazionale per l’importante ruolo di assistenza domiciliare oncologica che svolge ogni giorno con malati e famiglie. La Cooperativa da anni collabora con i suoi volontari, ne sostiene i progetti sui territori e, proprio in occasione di Più vicini, la delegazione pugliese ha presentato il progetto il “Paniere delle Eccellenze” che ha ricevuto tantissimi gettoni.

Il progetto è teso a sostenere l’assistenza medica domiciliare e gratuita ANT ai malati di tumore in Puglia, celebrando al contempo la tradizione gastronomica locale: nel periodo natalizio la Fondazione ha offerto a donatori e sostenitori un “Paniere delle Eccellenze” ricco di prodotti tipici del territorio, tra cui sughi e passate offerti da Coop Alleanza 3.0.

Il prodotto solidale, realizzato grazie al contributo di diverse aziende del territorio, ha consentito di raccogliere fondi per sostenere l’assistenza a chi deve affrontare ogni giorno una grande sfida e che, proprio grazie ai professionisti di ANT Puglia, può essere curato nella propria casa, a fianco delle persone care.

Abbiamo parlato con Rosa Triggiani delegata di ANT Puglia che ci ha raccontato come la Fondazione in Puglia sia attiva dalla fine degli anni Ottanta con 87 operatori che ogni giorno offrono cure domiciliari a oltre 700 persone affette da patologie tumorali. Ci ha descritto la Fondazione ANT come un vero e proprio “ospedale senza muri che, ogni giorno, cura gratuitamente a domicilio complessivamente 3.000 malati di tumore in 11 regioni italiane, attraverso équipe sanitarie multidisciplinari composte da medici, infermieri e psicologi”. Dalle parole di Rosa Triggiani emerge anche quanto sia stato difficile, durante le varie fasi della pandemia da Covid-19, sostenere le famiglie con pazienti oncologici, a causa delle inevitabili complicazioni che hanno reso un percorso già molto doloroso ancora più difficile da affrontare. Rosa ci ha spiegato che “In questi due anni il nostro lavoro non si è mai fermato, siamo rimasti sempre operativi portando gratuitamente a casa tutto quello di cui il sofferente può avere bisogno: visite domiciliari e medicazioni, fino a trasfusioni e interventi più complessi come inserimenti PICC o paracentesi. Sono sempre di più le persone che si rivolgono a noi, non solo pazienti in fine vita ma anche in fasi precoci di malattia, con chemio o radio terapie in corso e bisognosi di cure di supporto”.

Legambiente Emilia-Romagna

Paola Fagioli direttore di Legambiente Emilia-Romagna ci ha invece raccontato il lavoro che svolge la sua associazione sul territorio dell’Emilia-Romagna e del felice incontro dei loro progetti con Più Vicini. I circoli di Legambiente che hanno partecipato sono stati molti, anche di territori diversi tra loro: l'esigenza principale è stata quella di realizzare attività educative rivolte alle scuole, ma anche ai semplici cittadini, nell'ottica di fare arrivare a quante più persone possibile il messaggio ecologista, anche attraverso esperienza pratiche, di laboratorio o di gioco.

I progetti proposti sono stati diversi: dalla sensibilizzazione sulla riduzione dei rifiuti prodotti al corretto smaltimento degli stessi, dall'importanza delle biodiversità all'utilizzo delle api come indicatori di inquinamento.

“Il filo conduttore è sempre il dato scientifico che muove ogni nostra azione e che ci permette di valutare poi i risultati ottenuti grazie alle nostre attività.” Le abbiamo chiesto infine cosa è stato già fatto e quali sono i prossimi passi per realizzare i progetti grazie ai tanti gettoni che soci e clienti hanno deciso di destinare. Ci ha spiegato che “I passi principali fatti riguardano la costruzione di reti di stakeholder che insieme a noi porteranno avanti i vari progetti, mettendo a disposizione competenze, spazi e classi delle scuole primarie e secondarie; i gettoni dei soci ci supporteranno nella realizzazione pratica delle attività previste in ogni progetto, permettendoci di acquistare materiali, affittare spazi, organizzare appuntamenti ludico-scientifici, coinvolgere la popolazione con momenti divulgativi di qualità”.

Emporio solidale Basso Piave San Vincenzo De Paoli-Ovd

Grazie al progetto presentato per Più Vicini molti studenti che frequentano le scuole del territorio riceveranno materiali didattici e informatici o kit scolastici specifici per l’indirizzo intrapreso.

La direttrice dell’Emporio solidale Basso Piave San Vincenzo De Paoli-Ovd, Gabriella Mauro, ci ha raccontato che il progetto rientra nelle misure di sostegno per il contrasto della povertà educativa, con l’obiettivo di contenere l’abbandono scolastico e promuovere un approccio minimo di istruzione per tanti ragazzi. Con tutti i sostegni introdotti i volontari dell’Emporio riescono a supportare 222 ragazzi nella fascia d’età dai 6 ai 15 anni.

Grazie a Più Vicini saranno distribuiti a 5 famiglie numerose gift card da 100 euro l’una: un aiuto concreto per garantire uno dei bisogni primari cui ogni soggetto ha diritto: “l’alimentazione della conoscenza” perché, come dichiara Gabriella Mauro “Gli Empori, oltre a essere luoghi in cui fare la spesa, si propongono sempre più come laboratori, in cui trovare spunti per avere informazioni accurate, acquisire nuove capacità, lavorare su sé stessi e potenzialmente cambiare il proprio futuro, con il supporto di tutta".


Inserisci ora il codice OTP che trovi nel messaggio SMS che ti è stato inviato.
Non hai ricevuto l'SMS?
Richiedi nuovo invio
Richiesta effettuata con successo
Non hai ricevuto l'SMS? Chiedi un altro codice

Non ricevi più SMS sul quel numero?

Recati in negozio e comunica a sportello il nuovo numero per poter riabilitare la funzionalità OTP. Questo passaggio è necessario per garantire la sicurezza delle future operazioni che svolgerai.

Operazione completata con successo