• Home
  • Elenco News
  • La solidarietà non chiude: grazie alle donazioni dei soci

La solidarietà non chiude: grazie alle donazioni dei soci

Dall'Italia all'Africa, viaggio nei paesi in cui sono attivi i progetti internazionali di solidarietà sostenuti dai soci Coop

Il lavoro delle Ong impegnate in tutto il mondo in questo momento deve fare i conti con la pandemia ed è diventato più difficile. Il virus va ad aggravare situazioni già complesse per questo i fondi che arrivano sono ancor più importanti. Ecco come vengono impiegate le donazioni che i soci Coop hanno destinato alla solidarietà internazionale, grazie ai punti del catalogo 2019.

WeWorld-GVC: in Burundi lotta alla malnutrizione con le Mamans Lumieres

In Burundi il tasso di malnutrizione infantile è tra i più elevati al mondo, colpisce quasi la metà dei bambini sotto i 5 anni. Grazie ai punti dei soci di Coop Alleanza 3.0, WeWorld-GVC sta garantendo cure mediche a oltre 2.600 bambini e alle madri nei centri di riabilitazione alimentare. I bambini riacquistano peso, mentre le madri imparano a riconoscere e cucinare alimenti locali nutritivi. per WeWorld-GVC, la soluzione alla malnutrizione è mettere al centro le donne, per questo sono state formate oltre 600 Mamans Lumières, che monitorano la condizione dei bambini.

Con l’arrivo del Coronavirus, WeWorld-GVC ha reagito immediatamente attraverso: campagne di sensibilizzazione sull'igiene delle mani; distribuzione di mascherine riutilizzabili e kit igienici; diffusione di informazioni su come prevenire il contagio e mantenere un’alimentazione equilibrata. Nelle strutture sanitarie sanificate, oggi si continua a lavorare per permettere ai bambini di costruire il loro futuro.

Fairtrade nelle comunità raccoglitrici di noci dell'Amazzonia

Saranno 25 i ragazzi che beneficeranno delle borse di studio messe a disposizione grazie alla raccolta punti 2019 dei soci di Coop Alleanza 3.0. Si tratta di alcuni tra i figli dei coltivatori di noci della foresta amazzonica boliviana delle comunità di Air Mujie e Sefenbo, in Bolivia, certificate da Fairtrade.

Attualmente la situazione è bloccata dall'emergenza Coronavirus che ha paralizzato l'intero paese e ridotto l'operatività alle attività essenziali e di prima necessità. Le borse di studio contribuiranno nel prossimo futuro all'accesso all'Università e all'iscrizione a corsi di formazione professionale per il miglioramento delle attività interne alle cooperative.

Le risorse impegnate potranno così tornare a beneficio delle comunità che vivono della raccolta e del commercio del frutto della noce che cresce spontanea in questa area protetta, così importante per l'ecosistema di tutto il pianeta. I produttori Fairtrade vivono in comunità dove gli ammortizzatori sociali sono carenti o non esistono, i sistemi sanitari sono inadeguati o mancano del tutto, dove spesso non c’è acqua potabile e pulita. Dall’inizio di marzo le organizzazioni del commercio equo certificato hanno “svincolato” l’uso del margine di guadagno che va a beneficio della comunità, destinandolo alla formazione sui rischi COVID-19, all’acquisto di dispositivi di protezione e alle strutture sanitarie locali.

Medici Senza Frontiere impegnata in Sierra Leone

Grazie al sostegno di chi ha scelto di destinare i propri punti Coop a Medici Senza Frontiere, nel 2019 è stato costruito l’ospedale materno infantile di Kenema, con un reparto di pediatria e due unità specializzate per la malnutrizione che, solo l’anno scorso ha assicurato cure a oltre 1.000 bambini sotto i 5 anni.

Con i fondi raccolti tramite il catalogo nel 2020 l’obiettivo è di ampliare la pediatria e aprire i nuovi reparti di maternità e neonatologia. MSF ha rinnovato e consegnato al Ministero della salute il 12 maggio un centro di trattamento COVID-19 con oltre 120 posti all'interno nel distretto di Kenema, con una divisione per l'accoglienza e la consultazione dei pazienti sospetti, oltre alla formazione sulle procedure per 145 operatori sanitari. I sistemi idrici e igienico-sanitari sono in fase di finalizzazione presso l'ospedale del distretto di Kenema e al momento è in definizione con le autorità distrettuali un piano di formazione aggiornata per tutto il personale medico impegnato nella risposta al COVID.

Le adozioni a distanza di Caritas Children Onlus

In tempo di Coronavirus anche i bambini di Caritas Children Onlus nei vari paesi del mondo in cui è presente, sono costretti ad un cambio di programma: chiuse le scuole, chiusi i centri, in attesa di tempi migliori.

Ma non è chiusa la solidarietà. L’aiuto viene garantito ai bambini grazie ai punti donati, infatti viene portato dai missionari nelle case e nelle famiglie. Un po’ come la spesa che in tempo di lockdown viene consegnata a domicilio, per chi non può uscire. Grazie a un semplice gesto i punti raccolti nel 2019 sono diventati cibo per chi non può procurarselo in altro modo, istruzione per chi non può frequentare la scuola, medicine per chi è ammalato.

L’associazione è presente in Africa, (Congo, Etiopia, Eritrea, Madagascar, Togo, Senegal, Tanzania) in Asia (Bangladesh, Georgia, Libano, India, Palestina, Sri Lanka, Thailandia) e in America latina (Brasile, Colombia, Perù). I missionari rappresentano i referenti locali del progetto di sostegno a distanza, l’associazione mantiene con loro frequenti contatti.

 

Scegli la solidarietà

 

Vuoi scoprire altri articoli come questo?  

Leggi tutte le notizie


QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE

Alcuni cookie sono tecnici perchè necessari al corretto funzionamento del sito, altri cookie sono di profilazione per assicurare un’esperienza di visita coerente con i tuoi gusti, e altri sono di Terze Parti. Maggiori informazioni anche riguardo il loro monitoraggio e  disabilitazione sono disponibili nella Cookie Policy

 

Clicca su Accetta o naviga il sito per dare il tuo consenso all’uso dei cookie