Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, facendo lo scroll di pagina o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.
  • Home
  • Elenco News
  • Al Carlo Poma di Mantova da gennaio arriva il Bookcrossing
Punti Vendita Soci Solidarietà 23 dicembre 2019

Al Carlo Poma di Mantova da gennaio arriva il Bookcrossing

Un progetto sostenuto da Coop Alleanza 3.0 insieme ad ABEO

Col progetto Bookcrossing in corsia al Carlo Poma di Mantova Coop Alleanza 3.0 costituirà quattro piccole biblioteche per pazienti e visitatori nell’ospedale cittadino. Dal 7 gennaio abbiamo bisogno del tuo aiuto per riempirle di libri: puoi donare un libro in buono stato, per ragazzi o adulti o comprare il tuo libro preferito e portarlo nella Libreria Coop Nautilus in piazza 80° Fanteria o al Punto d’Ascolto degli ipercoop La Favorita e Virgilio. Grazie al tuo aiuto quattro punti per il Bookcrossing saranno messe a disposizione di tutti, per scambiare libri nell’Hospice, nel reparto di Oncologia, nel reparto di Cardiologia e negli ambulatori Pediatrici. Coop Alleanza 3.0 sostiene questo progetto in collaborazione con ABEO - Associazione Bambino Emopatico Oncologico.

Prima fase, la donazione

Dal 7 gennaio sarà possibile donare libri, adatti a bambini e adulti presenti nei reparti: saranno raccolti presso i punti d’Ascolto degli Ipercoop La Favorita e Virgilio di Mantova o presso il punto vendita Librerie.coop Nautilus in centro città (piazza 80° Fanteria 19). I libri donati possono essere acquistati o anche usati ma in buone condizioni.

Seconda fase, l’allestimento

Fra gennaio e febbraio 2020 i volontari dell’Associazione ABEO e di Coop Alleanza 3.0 raccoglieranno e catalogheranno i libri mettendoli a disposizioni di pazienti e famiglie nei reparti. Appena pronti i punti dedicati al Bookcrossing saranno inaugurati con un evento pubblico per la cittadinanza, che coinvolgerà volontari, personale dell’ospedale, pazienti e famiglie.