Prodotto Consumo Consigli 05 settembre 2018

Cibi fermentati, un piccolo mondo da scoprire

Quali sono gli alimenti che contengono probiotici e perché dovremmo mangiarli più spesso

I cibi fermentati fanno parte dell'alimentazione dell'uomo da sempre. La fermentazione, infatti, è uno dei metodi più antichi per la conservazione degli alimenti: grazie all'azione di lieviti, muffe e batteri, gli zuccheri presenti nel cibo vengono trasformati in acidi. Questo processo inibisce la formazione di microrganismi nocivi, e così il cibo si conserva più a lungo. Senza andare troppo lontano, molti dei prodotti che consumiamo abitualmente sono fermentati: se non fossero sottoposte a fermentazione, le olive sarebbero dure come sassi; e senza la fermentazione delle fave di cacao non esisterebbe il cioccolato. Anche la lievitazione del pane è un processo di fermentazione: il lievito scompone gli amidi presenti nella farina e produce anidride carbonica, responsabile della crescita delle pagnotte.

Pur mangiando da sempre cibi fermentati, solo all'inizio del secolo scorso abbiamo scoperto le proprietà benefiche di questi alimenti per l'organismo. I cibi fermentati sono più semplici da digerire, ma soprattutto sono cibi “vivi”: quando li mangiamo, mangiamo anche i batteri che permettono la fermentazione (i “batteri buoni”, o probiotici), che contribuiscono a riequilibrare la flora batterica intestinale. Per questo è importante includerli più spesso nella nostra alimentazione

Yogurt e latte fermentato 

Lo yogurt è il latte fermentato per eccellenza, e anche uno dei più versatili. Di yogurt aromatizzati alla frutta, dolci e cremosi, ce ne sono davvero per tutti i gusti, ed è ormai ampiamente diffuso da noi anche lo yogurt greco, che, grazie alla sua consistenza e al sapore più acido e neutro, è adatto a ricette sia dolci che salate. Ma non c'è solo lo yogurt: il latte fermentato varia a seconda del tipo di batteri usati per la fermentazione lattica, e ce ne sono diverse varietà. Tra i tanti merita una menzione il kefir, un latte fermentato proveniente dall'Europa orientale, che è molto ricco di probiotici. Ha una consistenza cremosa come lo yogurt, e può essere usato in cucina nella preparazione di molti piatti dolci e salati.

Prodotti a base di soia fermentata

Dopo i derivati del latte, un'altra grande famiglia di cibi fermentati è quella dei prodotti a base di soia. Sono originari della cucina orientale, ma, pur essendo ancora percepiti come “esotici”, reperirli è ormai meno difficile di quanto si pensi.

Il tempeh, conosciuto anche come “carne di soia”, è un alimento che viene dall'Indonesia. È un derivato dei semi di soia gialla, ha un sapore simile a quello del tofu e una consistenza abbastanza solida. Anche il miso, dal Giappone, è un prodotto della fermentazione di semi di soia gialla, a cui vengono aggiunti orzo, riso e altri cereali. È molto salato e viene usato come condimento, soprattutto nelle zuppe. Sempre dalla tradizione giapponese, il nattō è un alimento molto nutriente fatto di fagioli di soia fermentati, da mangiare con una ciotola di riso. Infine, il prodotto della fermentazione della soia più famoso di tutti è senz'altro la salsa di soia, presenza fissa sulle tavole di tutto il continente asiatico.

Conserve vegetali

La fermentazione è utile anche a conservare verdure e ortaggi. Dalla fermentazione del cavolo cappuccio si ottengono i crauti, che, oltre a essere buoni con le salsicce, sono anche un alimento molto ricco di fermenti lattici. Tradizionali della cucina tedesca, il loro nome in lingua madre è Sauerkraut, che significa “verdura acida”. Tra gli ortaggi più comunemente sottoposti a fermentazione, poi, ci sono la barbabietola rossa, molto semplice da preparare anche in casa, e la rapa, da cui si ottiene la brovada friulana. Tornando nell'estremo oriente, invece, il kimchi è un cibo coreano a base di verdure fermentate e spezie. La ricetta tradizionale prevede cavolo cinese e ravanello, tra le verdure, mentre tra le spezie quella che non può mancare è il peperoncino piccante. Non tutti sanno, poi, che è possibile sottoporre a fermentazione qualsiasi verdura, quindi non dobbiamo far altro che raccogliere ciò che la terra ci offre, stagione dopo stagione, in capienti vasetti a bocca larga.

Bevande fermentate

Infine, per fermentazione si ottengono anche alcune bevande. Un paio di esempi? Vino e birra.
Per mantenere uno stile di vita sano, però, è meglio berne con moderazione e alzare il gomito invece con una bella tazza di tè kombucha: una coltura di lieviti e batteri miscelata a tè verde o nero. In Cina e in Russia è noto da millenni come un elisir di lunga vita. Anche se le sue presunte proprietà miracolose non sono mai state provate, è una delle bevande più ricche di probiotici in circolazione. In Nord Europa, invece, bevono il latticello (lo chiamano buttermilk): è un sottoprodotto della lavorazione della panna e del burro, a cui vengono aggiunti fermenti lattici.

 

Vuoi scoprire altri articoli come questo?

Leggi tutte le notizie


QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE

Alcuni cookie sono tecnici perchè necessari al corretto funzionamento del sito, altri cookie sono di profilazione per assicurare un’esperienza di visita coerente con i tuoi gusti, e altri sono di Terze Parti. Maggiori informazioni anche riguardo il loro monitoraggio e  disabilitazione sono disponibili nella Cookie Policy

 

Clicca su Accetta o scorri verso il basso la pagina per dare il tuo consenso all’uso dei cookie