Prodotto Consumo Consigli 06 giugno 2019

Tre pratiche idee per riusare i vasetti dello yogurt

Finito lo yogurt, non buttare via il vasetto: ecco come i contenitori di plastica possono rivelarsi utili e versatili in casa

Lo yogurt è un alimento dalla storia millenaria. È nato per caso, quando i pastori dell'Asia centrale, che conservavano il latte di capra in borse ricavate da stomaci di animali, si accorsero che parte del latte, a contatto con le pelli, si addensava (la parola yogurt viene dal verbo turco yogurmak, che significa appunto “addensare”) e diventava aspro, ma era ancora commestibile.

In quei contenitori “da viaggio” in cui è nato, lo yogurt ha viaggiato molto soprattutto in Oriente – se ne parla anche nella Bibbia e ne Le mille e una notte – ed è arrivato in Occidente solo in tempi recenti, grazie alla sua fama di alimento dalle molte proprietà benefiche: il suo primo ingresso negli Stati Uniti risale ai primi del Novecento, quando venne introdotto sotto forma di pillola per la digestione.

Solo a partire dagli anni '30 del secolo scorso è iniziata la produzione industriale, in Europa e America, di yogurt così come lo conosciamo oggi. I primi vasetti di yogurt sono comparsi solo negli anni '50: è da allora che i forti consumatori di yogurt hanno la casa piena di vasetti di plastica che è un peccato buttar via subito.

I vasetti di yogurt sono contenitori molto versatili; possono essere riutilizzati a lungo prima di finire nella raccolta differenziata della plastica. Ecco tre idee molto pratiche per non sprecarli:

  1. Ricavare dai vasetti dello yogurt dei semenzai. I vasetti di plastica degli yogurt possono diventare dei pratici semenzai. Chi ha il pollice verde sa benissimo di cosa si tratta: una piccola “culla” per le piantine, in cui far germogliare i semi finché non saranno pronti per essere trasferiti in un vaso più grande. Per far diventare i vasetti dello yogurt dei semenzai, basta praticare dei forellini sul fondo, in modo che non si crei del ristagno, e poi riempirli con un po' di terriccio in cui riporre i semi. Va bene sia per piantine da balcone, come prezzemolo, salvia e basilico, sia per qualcosa di un po' più ingombrante, da trapiantare poi nell'orto
  2. Usare i vasetti dello yogurt come dosatori. I veri cuochi non usano la bilancia: vanno a occhio, o a vasetto. Esistono tante ricette i cui ingredienti possono essere facilmente dosati servendosi di contenitori più o meno standard, come vasetti o bicchieri. Una su tutte, la mitica torta dei sette vasetti. Molto pratici come unità di misura a spanna, i vasetti sanno anche essere precisi, soprattutto per misurare gli ingredienti liquidi: il vasetto di uno yogurt da 125 grammi equivale precisamente a 125 ml. E chi oltre a cucinare per sé pensa anche al gatto, sarà felice di sapere che un vasetto di yogurt equivale a una  porzione di croccantini!
  3. Conservare il cibo in freezer nei vasetti dello yogurt. Quando fuori fa freddo, la zuppa è più di un piatto di minestra: è un comfort food. E che dire di una bella scodella corroborante di minestrone caldo? Zuppe, vellutate e minestroni sono ricette la cui preparazione può richiedere anche delle ore, perciò quando si cucinano, meglio farne un bel pentolone e conservare in freezer quello che non si mangia subito. I vasetti dello yogurt, per le loro dimensioni contenute, sono ideali per congelare le zuppe in comode porzioni singole, molto pratiche da scongelare e riscaldare nelle giornate più fredde. Qualche idea per una zuppa? Nella linea Vivi verde Coop ce ne sono per tutti i gusti!
     

Vuoi scoprire altri articoli come questo?

Leggi tutte le notizie

 

 


QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE

Alcuni cookie sono tecnici perchè necessari al corretto funzionamento del sito, altri cookie sono di profilazione per assicurare un’esperienza di visita coerente con i tuoi gusti, e altri sono di Terze Parti. Maggiori informazioni anche riguardo il loro monitoraggio e  disabilitazione sono disponibili nella Cookie Policy

 

Clicca su Accetta o scorri verso il basso la pagina per dare il tuo consenso all’uso dei cookie