Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, facendo lo scroll di pagina o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.
Veneto
GRUPPO SCULTOREO

La Pietà

Battistero della Basilica di San Marco

Venezia

La Pietà del Battistero è un gruppo plastico di piccole dimensioni. Una Madonna dall’aspetto maturo, affranta dal dolore, tiene tra le braccia il Cristo straziato dalle ferite.

Veneto

SI E' VOTATO DAL

1 al 30 novembre

VOTI 62%

L'opera e il suo restauro

Grazie al contributo dei soci di Coop Alleanza 3.0, è in corso il restauro di questa opera d’arte.

Le fasi del restauro in sintesi

  • Mappatura delle forme di degrado
  • Microprelievo, analisi di laboratorio, mappatura elementi metallici
  • Rimozione di deposito incoerente
  • Preconsolidamento delle aree degradate
  • Pulitura graduale controllata
  • Rimozione controllata delle malte presenti
  • Lavaggio delle superfici con sola acqua deionizzata
  • Incollaggio di elementi distaccati
  • Rimozione di tutti gli elementi in ferro ammalorati
  • Trattamento di elementi inamovibili o in rame
  • Esecuzione di stuccature di sottofondo
  • Integrazione pittorica delle lacune
  • Applicazione di trattamento protettivo finale

Azienda incaricata del restauro:

Azienda incaricata del restauro:

Stato di avanzamento dei lavori
17/12/2019

Le ultime novità

News del 17/12/2019
Opera tua: il restauro della Pietà

Coop Alleanza 3.0 ha Venezia nel cuore. Si è tenuta questo pomeriggio la cerimonia di restituzione del gruppo scultoreo della Pietà del Battistero della Basilica di San Marco. All’appuntamento hanno preso parte S.E. Monsignor Francesco Moraglia Patriarca di Venezia; Carlo Alberto Tesserin, Primo Procuratore di San Marco; Luigi Brugnaro, Sindaco di Venezia; Luca Bernareggi, presidente Ancc Coop; Marco Pedroni, presidente Coop Italia; Daniel Tiozzo, presidente Area sociale vasta Coop Alleanza 3.0; Enrico Bressan, presidente Fondaco Italia. Dopo gli interventi delle istituzioni e dei referenti del mondo Coop si è provveduto a togliere il grande telo rosso per ammirare l’opera tornata a splendere dopo gli interventi di restauro: guarda tutte le immagini!

News del 10/12/2019
Opera tua: il restauro della Pietà

Verso il completamento del restauro. Ecco le immagini delle fasi di rifinitura della pulitura mediante microsabbiatura di precisione; a seguire le operazioni di stuccatura e di rimozione del pero in ferro.

News del 12/11/2019
Opera tua: il restauro della Pietà

La pulizia della Pietà. Ecco le immagini delle fasi di pulizia a freddo e a caldo, che serve anche per eliminare le stuccature di interventi passati.

News del 19/09/2019
Opera tua: il restauro della Pietà

Nel pieno della fase di restauro. Ecco le immagini delle fasi di spolveratura, seguite dalle prove di pulitura, dal prelievo di un campione e dalla preparazione ed applicazione di solvente gel e test di solvibilità.

News del 30/07/2019
Opera tua: il restauro della Pietà

L'inizio dei lavori. Pronti per l'inizio delle attività di restauro della statua: ecco le immagini della mappatura delle forme di degrado, delle indagini preliminari, del microprelievo per le analisi di laboratorio, della mappatura di elementi metallici; infine dell'allestimento area di cantiere.


toggle

Dettagli opera

Storia dell'opera

La Pietà di San Marco appartiene al genere Vesperbild, termine di origine tedesca che significa letteralmente “immagine del Vespro o della sera”. Alla sera infatti, quale momento della giornata più adatto alla meditazione e alla riflessione sul mistero della Passione e della morte di Cristo, davanti a queste immagini si riunivano i fedeli per la preghiera e si celebravano nelle chiese le messe vespertine. È il tipo di rappresentazione indicato con il termine Pietà. La scultura è stata realizzata in un tipo di pietra gessosa di colore grigio scuro ed è cava sul retro, la Madonna siede su un sedile decorato su ciascun lato da un motivo gotico a bifore sovrastate da un arco trilobato.

 

Le caratteristiche del restauro in sintesi

Dopo la mappatura delle parti degradate e delle analisi di laboratorio sui microprelievi, è prevista un’indagine magnetometrica per l’individuazione degli elementi metallici non visibili. Ogni deposito di materiale incoerente può rimosso mediante aspirazione controllata e con l’aiuto dall’azione meccanica di pennelli morbidi. Seguono il preconsolidamento delle aree più degradate e la pulitura graduale controllata delle superfici con tamponatura di spugnette morbide imbevute di sola acqua deionizzata. L’opera di pulizia prevede anche la grimozione controllata delle malte presenti e il lavaggio delle superfici con sola acqua deionizzata. Le parti distaccate si incolleranno con resina epossidica bicomponente.

Gli elementi in ferro ammalorati devono essere rimossi mentre è possibile trattare quelli inamovibili o in rame. A questo punto sarà possibile eseguire le stuccature di sottofondo e le integrazioni pittoriche. Il trattamento protettivo finale è a base di cere microcristalline.


toggle

Dettagli opera