Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, facendo lo scroll di pagina o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.
Friuli-Venezia Giulia
MOSAICO

Mosaico a nido d'ape

Museo archeologico nazionale

Aquileia, Udine

Uno dei più eleganti esempi di pavimento decorato a nido d’ape. 

Friuli-Venezia Giulia

SI E' VOTATO DAL

18 ottobre al 10 novembre

VOTI 77%

L'opera e il suo restauro

Grazie al contributo dei soci di Coop Alleanza 3.0, è in corso il restauro di questa opera d’arte.

Le fasi del restauro in sintesi

  • Pulitura superficiale
  • Ricollocamento opera

Stato di avanzamento dei lavori
30/05/2018

Le ultime novità

News del 30/05/2018
Opera tua: il restauro del Mosaico a nido d'ape

I lavori sono quasi terminati. Stiamo procedendo al taglio sul retro del vecchio supporto in cemento, al capovolgimento di ciascun pannello musivo fissato sul nuovo supporto in aerolam, quindi alla rimozione del velatino di cotone dalla superficie dei mosaici e alle prove di accostamento dei pannelli prima delle fasi di assemblaggio e restauro finale.

News del 24/04/2018
Opera tua: il restauro del Mosaico a nido d'ape

Una chicca per intenditori! Ecco le immagini di una fase del restauro poco conosciuta: i pannelli vengono capovolti dopo l'esecuzione della controforma per attuare il taglio del supporto in cemento del 1950. 

News del 09/04/2018
Opera tua: il restauro di Mosaico a nido d'ape

I lavori proseguono. Dopo la velinatura e gessatura, si è proceduto con l'esecuzione della controforma di ogni sezione mediante getto di calcestruzzo: l'operazione è necessaria per il capovolgimento delle sezioni e le lavorazioni sul retro delle sezioni.

News del 18/02/2018

Via ai lavori! Ad Aquileia iniziano le prime fasi di restauro del mosaico a nido d’ape, attività che verrà eseguita dalla Ditta Diego Malvestito Concordia Sagittaria (Ve). Dopo la ricomposizione grafica delle parti mancanti su acetato scala 1:1 e il rilievo fotografico, è stato eseguito il taglio in due parti del mosaico, per effettuare lo stacco dall’attuale supporto in ferro e cemento non più idoneo a sostenere l’opera: verrà realizzato un supporto nuovo in aerolam a nido d’ape in alluminio spessore 3 cm. Infine, è stato effettuato il fissaggio delle parti staccate per predisporre il mosaico alla prima pulitura in laboratorio.


toggle

Dettagli opera

Storia dell'opera

Un mosaico dalla raffinata decorazione geometrica, arricchita da fiori policromi di sei foglie, le cui estremità rialzate creano un effetto prospettico e illusionistico di movimento. Il motivo decorativo è ispirato ai modelli di origine ellenistica. Il pavimento decorava una ricca abitazione aquileiese, situata vicino al porto fluviale, e documenta la ricchezza della città durante l’età romana. 

Le caratteristiche del restauro in sintesi

L’intervento prevede un’attenta pulizia dalle patine depositatesi durante la lunga esposizione sotto i portici del giardino del Museo Archeologico. Il mosaico verrà poi staccato dalla piattaforma in cemento sul quale si trova e sarà adagiato su una base in materiale leggero per garantirne una più adeguata conservazione. 



Mosaico a nido d'ape