Angela Maria Pistorio

Coop di via Gramsci a Parma

Ogni giorno è una sorpresa e la noia non esiste a negozio

Come è iniziata la tua esperienza in Cooperativa?
Cercavo un lavoro più stabile e stimolante di quello che avevo. Tra i vari annunci a cui avevo risposto c'era anche quello di percorsi di carriera per direttori/capi reparto in Coop. Ho passato le selezioni e intrapreso un percorso formativo che alternava lezioni in aula all'addestramento a punto vendita in reparti diversi.

Come hai vissuto il tuo percorso formativo (sia didattico sia on the job)? Cosa ti è piaciuto? Quali difficoltà hai riscontrato?
Nel percorso formativo in aula mi è piaciuto molto approfondire le caratteristiche degli alimenti e le tecniche di comunicazione e sviluppo dell'empatia. Nel negozio in cui ho iniziato ero felice di imparare qualcosa di nuovo ogni giorno e lavorare in team. Le prime difficoltà sono state di ordine pratico: riuscire a tagliare una fetta di prosciutto senza ridurla a una di macinato per gatti.

Qual è l’aspetto che più ti piace del lavoro nella Gdo?
La mia giornata tipo inizia a casa quando programmo una lavatrice al volo in modo che finisca al mio rientro e vado in negozio. Qui cerco di capire subito se abbiamo un imprevisto da gestire e poi mi dedico alle attività che nel tempo ho imparato a programmare per non perdermi una delle numerose sfaccettature del mio mestiere. Gran parte della mia giornata consiste nel vendere, monitorare, controllare, prendere decisioni, risolvere problemi, realizzare le direttive della Cooperativa e confrontarmi in continuazione con i miei collaboratori. Non mi annoio mai, perché ogni giorno è diverso. È un lavoro eterogeneo il mio in cui si sviluppano molteplici capacità: commerciali, gestionali, relazioni, creative…

Quali caratteristiche bisogna avere per essere un buon "gestore" di persone?
Bisogna avere molto curiosità e avere sete di sapere perché i collaboratori fanno molte domande e si devono conoscere le risposte o sapere come reperirle. Bisogna essere sensibili, perché per ogni persona bisogna trovare il giusto canale di comunicazione. È opportuno capire le attitudini per tirare fuori il massimo dalle persone e dare il buon esempio, per essere credibili. Penso sia necessario avere le idee chiare per dare direttive, perché un gruppo ha bisogno di una strada indicata. Infine, dosi massicce di pazienza!

Cosa consiglieresti ai nuovi giovani talenti che stanno per intraprendere questo percorso?
Il mio lavoro è impegnativo e alle volte anche di sacrificio: questo è un aspetto non secondario che mi sento di sottolineare a chi sta valutando il percorso del talent. L’altra parte della valutazione dovrà però riguardare la soddisfazione che un lavoro così dinamico comporta.

Vuoi maggiori informazioni sul Talent Program Retail?

Inserisci ora il codice OTP che trovi nel messaggio SMS che ti è stato inviato.
Non hai ricevuto l'SMS?
Richiedi nuovo invio
Richiesta effettuata con successo
Non hai ricevuto l'SMS? Chiedi un altro codice

Non ricevi più SMS sul quel numero?

Recati in negozio e comunica a sportello il nuovo numero per poter riabilitare la funzionalità OTP. Questo passaggio è necessario per garantire la sicurezza delle future operazioni che svolgerai.

Operazione completata con successo