• Home
  • Elenco News
  • A novembre spendiamoci per la tutela dei diritti delle donne

A novembre spendiamoci per la tutela dei diritti delle donne

I dati, il percorso storico, le scelte istituzionali della lotta alla violenza di genere

Valori Eventi 23 novembre 2021

Minacce verbali o attacchi fisici, perdita delle libertà personali, accesso alle risorse economiche negato dal marito o dal compagno, rapporti sessuali forzati e violenti. Ma non solo, stalking, anche nella sua versione “cyber”, violenza psicologica, offline e online. Gli esempi di quale forma possa assumere la violenza di genere sono vari e complessi, ma rappresentano sempre e comunque una violazione dei diritti umani. Una violazione, secondo l’Onu, tra le più diffuse e persistenti in tutto il mondo.

Per creare maggiore consapevolezza e sensibilizzare su questo tema il 17 dicembre del 1999, con la risoluzione 54/134, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Il giorno prescelto per tale ricorrenza non è casuale: il 25 novembre del 1960 vennero ritrovati i corpi delle tre sorelle Mirabal – Patria, Minerva e Maria – in fondo a un precipizio nella Repubblica Dominicana con addosso evidenti segni di tortura. Le donne, partecipi della resistenza contro l’allora regime, stavano andando a trovare i mariti in carcere, quando vennero catturate e brutalmente uccise in un’imboscata degli agenti dei servizi segreti del dittatore Rafael Leònidas Trujillo. La reazione e l’indignazione popolare fu dura e massiccia e portò nel 1961 all’uccisione di Trujillo e quindi alla fine della dittatura.

Nel 1980 a Bogotà in Colombia per la prima volta durante il primo Incontro Internazionale Femminista viene commemorata la data e da allora il 25 novembre ha iniziato ad assumere un valore sempre più simbolico. Fino al 1993, quando con la Dichiarazione di Vienna viene finalmente sancito che: «I diritti umani delle donne sono un’inalienabile, integrale e indivisibile parte dei diritti umani universali. La completa ed uguale partecipazione delle donne nella vita politica, sociale ed economica a livello nazionale, regionale ed internazionale e lo sradicamento di tutte le forme di discriminazione in base al sesso sono l’obiettivo prioritario della comunità internazionale».

In Italia, a partire dagli anni’ 70 si è avviata un’opera di modernizzazione della legislazione per la tutela delle donne contro ogni forma di violenza e discriminazione culminata negli ultimi anni con l’emanazione della cosiddetta legge sul femminicidio (d.l. 14 agosto 2013, n. 93).

Purtroppo, nonostante gli sforzi istituzionali nazionali e internazionali i dati che riguardano la violenza di genere non sono rosei. I numeri non mentono, e sono spietati: «Nei primi 8 mesi ci sono stati 75 femminicidi su 182 omicidi», ha detto nel corso di un convegno alla Camera la ministra dell'interno Luciana Lamorgese. Quasi la metà delle morti violente nel paese, insomma. In Italia le donne vittime di femminicidio nel 2020 sono state 112, l’anno prima 111, nel 2018 133. Secondo l'Istat, nel secondo trimestre 2021 sono in aumento le chiamate al 1522: +6,7% rispetto al precedente. L’89,7% delle vittime lo ha fatto per la prima volta.

Il primo ostacolo da superare per le vittime è trovare la forza per denunciare. Gli strumenti a disposizione, fortunatamente, sono sempre più capillari. In primis le forze dell’ordine, i Centri antiviolenza, e poi dal 1988 in caso di pericolo le donne si possono rivolgere anche al Telefono Rosa, il cui centralino è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24. Al numero 1522 rispondono le esperte volontarie. Presenti anche in maniera

È proprio in sostegno dei Cav - Centri antiviolenza che Coop Alleanza 3.0 ha deciso di concentrare da anni e rinnovare anche per questo 2021 il suo impegno in favore dei diritti delle donne contro la violenza di genere con la campagna “Noi ci spendiamo, e tu?”. Per tutto il mese di novembre, i soci che scelgono i prodotti Solidal Coop e i prodotti Frutti di pace contribuiscono con l’1% della loro spesa a sostenere 40 centri antiviolenza e le associazioni del territorio impegnate a contrastare la violenza sulle donne.

Le confetture e i nettari Frutti di pace sono prodotte da INSIEME, una cooperativa che nasce nel 2003 a Bratunac e Srebrenica con lo scopo di favorire il ritorno a casa dei profughi della ex-Jugoslavia, attraverso un’attività basata sulla coltivazione di piccoli frutti nelle fattorie di famiglia riunite in cooperativa. Rafforzare i valori della fiducia, dell’amicizia e del rispetto nelle zone maggiormente colpite dalla ferocia della guerra è alla base dell’attività di INSIEME. 

 

Scarica l'elenco delle associazioni

 

Infine, in collaborazione con le realtà locali, Coop promuoverà iniziative territoriali per sensibilizzare e informare sulla violenza di genere, sia su piattaforme online che in presenza nel pieno rispetto delle normative anti-covid. L'elenco è in fase di aggiornamento. 


Lombardia
Veneto
Emilia Romagna
Marche
Puglia


Lombardia

  • Mantova, Il 13 novembre alle 20.45 al Conservatorio Lucio Campiani l’evento "Dalla Costituzione al Piano nazionale per la ripresa" con Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la famiglia, Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti e Presidente del Gruppo interventi sociali e politiche per la non autosufficienza presso il Ministero del Lavoro.

Veneto

  • Conegliano (Tv), 25 novembre ipercoop Coné nello spazio Seminar Libri, Poesie al femminile per riflettere sull'universo femminile. Voce narrante Silvia De Bastiani e accompagnamento musicale di fisarmonica di Paolo Forte

Emilia Romagna

  • Bologna, il 24 novembre alla Casa di Quartiere Casa del gufo in via Luigi Longo 10 a Bologna si terrà un incontro dalle 16 alle 17 per parlare di uguaglianza di genere, emancipazione femminile e violenza.
    Si affronteranno i temi con un laboratorio di poesia che è l'evento finale di un percorso artistico di sensibilizzazione iniziato nel 2020. La mostra che riassume il percorso si potrà visitare il 25 novembre alla galleria del centro commerciale San Ruffillo di Coop Alleanza 3.0.
  • Bologna, dal 20 novembre al 1° dicembre nella sala museale del Baraccano, "Dalle mani delle donne", un'esposizione della fotografa Tiziana ANAIZIT Marongiu di 24 scatti in bianco e nero di mani di donne che lavorano, come strumento di emancipazione e affermazione personale.
  • Bologna, il 27 novembre alle ore 21 al centro sociale culturale Saffi si terrà lo spettacolo teatrale "Affetto a doppio taglio", scritto, diretto e interpretato da Nicola MIchele che percorre un viaggio introspettivo sulla violenza e le dinamiche di sopruso, con tutto il portato di dolore e sofferenza in cui sfociano le relazioni affettive tossiche.
  • Granarolo (Bo), 25 novembre alle 21 al Teatro Tag spettacolo teatrale "Le donne non si sono ancora estinte", liberamente ispirato al concorso "Cambio d’atto", un contest di scrittura partecipata contro la violenza di genere. Evento con donazione libera e il ricavato sarà dato in beneficenza. Info e prenotazioni a cambiodattocontest@gmail.com.
  • Ozzano (Bo), 21 novembre ore 15 un momento di riflessione in una panchina rossa con rappresentanti delle istituzioni. Alle ore 16 nella sala del centro civico A. Vason associazione Il Ponte letture sul tema e alle ore 17 assaggi di marmellate Frutti di pace.
  • Zola Predosa (Bo) 25 novembre alle ore 15 al giardino di fianco alla Biblioteca Comunale Deborah Alutto, Antonella Ferrari, Alessandra Gennari un incontro con l'Amministrazione comunale di Zola Predosa in collaborazione con il Consiglio di Zona soci Valli del Reno Lavino e Samoggia per dedicare un pensiero alle donne vittime di violenza. Durante l'evento verranno inaugurate le taghette contenenti frasi di autori celebri affisse nelle 10 panchine rosse del parco. Per maggiori info scrivere a famico@comune.zolapredosa.bo.it.
  • Modena, dal 19 al 28 novembre negli orari di apertura del centro Commerciale I Gelsi “Le idee e le azioni delle donne”: Mostra storico documentaria a cura di Ermanno Zanotti. Raccolta di documenti che testimoniano le azioni politiche e sociali delle donne dal dopoguerra ad oggi. Materiale originale, raccolto nel corso degli anni attraverso una paziente ricerca, che mette in luce e valorizza l’attività delle donne, protagoniste nella quotidianità e nella grande storia. Manifesti, volantini, depliant, tessere di diverse associazioni, dalla Resistenza all’8 marzo, fino alla lotta contro la violenza di genere. L'evento è aperto a tutti e gratuito. 
  • Modena, 25 novembre sul canale Youtube della Casa delle donne di Modena verrà trasmesso il video "Libere di pensarsi. Libere di esprimersi. Libere di muoversi nel mondo", per promuovere le attività dell'associazione per affermare le libertà femminili.
  • Castelnuovo Rangone (Mo), 28 novembre alle ore 16.30 alla tensostruttura di Piazza Cavazzuti a Castelnuovo Rangone l'evento "Voce delle donne", organizzato dall’associazione culturale Barabàn con le più belle canzoni di Fabrizio de Andrè si intrecciano a letture di brani contro la violenza sulle donne tratti dalle opere di Dacia Maraini, Concita de Gregorio, Serena Dandini, Riccardo Iacona.
  • Soliera (Mo), martedì 23 novembre ore 21 presso Habitat (Sala Dude, via Berlinguer 201), spettacolo teatrale "In foto venivo sfocata" con Elisa Lolli, a cura di Vivere Donna onlus, info www.viveredonnacarpi.com
  • Carpi (Mo), giovedì 25 novembre ore 21 presso Auditorium A. Loria, via Rodolfo Pio 1, spettacolo teatrale Non è stato niente con Barbara Corradini, a cura di Vivere Donna onlus, info www.viveredonnacarpi.com
  • Carpi (Mo), 7 dicembre ore 16.30 galleria commerciale ipercoop Borgogioioso "Le Maleducande" libere storie di ragazze scomode e controcorrente, liberamente tratte dal libro "Morgana" di Chiara Tagliaferri e Michela Murgia, a cura di Vivere Donna onlus.
  • Casalgrande (Re) dal 25 novembre 2021 all'8 marzo 2022 al centro culturale di Casalgrande l'evento "Impronte di donne. Discorsi al femminile del giovedì", incontri spettacoli e riflessioni sulla donna e sulle donne
  • Misano Adriatico (Rn), 28 novembre dalle 8.30 "#lamorenonfamale" una camminata di Nordic walking per finanziare una raccolta fondi a favore del CAV Chiama Chiama. Info e costi iscrizione qui
  • Cesena (Fc), il 28 novembre alle 16.30 a Villa Silvia Carducci l'evento "Ho smesso di tremare" con la testimonianza di Antonella Valletta e un accompagnamento musicale
  • Salsomaggiore (Pr), domenica 14 novembre alle ore 17 alla sala delle Cariatidi di Palazzo dei Congressi la conferenza "Grandi artiste. La difficile strada delle donne nel mondo dell'arte", per parlare con lo storico d'arte Simone Fappanni di donne celebri per il loro impegno nel campo artistico. Si parlerà delle loro opere, analizzandone il significato e la tecnica. Ingresso libero su prenotazioni a 365voltedonna@gmail.com.
  • Collecchio (Pr), 24 novembre Teatro alla Corte di Giarola spettacolo teatrale "Lo stronzo" di Andrea Lupo della produzione Teatro delle Temperie. Ingresso libero con obbligo di Green pass e mascherina. Prenotazione obbligatoria a organizzazione.uot@gmail.com.
  • Fiorenzuola d'Arda (Pc), 27 novembre dalle 16.30 alle 18 alla Biblioteca di Fiorenzuola d'Arda letture per bambini dai 5 ai 10 anni per sensibilizzare sul tema delle discriminizazioni e dei pregiudizi di genere. Per info chiamare 0523.983093
  • Piacenza, 25 novembre dalle 16.30 alle 18 al centro famiglie di Piacenza un incontro con letture animate, giochi e attività per sensibilizzare sul tema delle discriminazioni. L'evento è rivolto ai bambini dai 5 ai 10 anni con un adulto accompagnatore.

Marche

  • Alla Coop Le Saline l’evento “Danza e parole contro la violenza di genere” è articolato in due incontri. Il primo il 14 novembre dalle ore 10 alle 12 con una performance di danza di Aurora Gamberini e letture per bambini e bambine senza stereotipi di genere a cura di Manuela Duca e Orietta Candelaresi, che si ripeteranno anche il 24 novembre dalle ore 18 alle 20.
     
  • Alla ipercoop Il Maestrale l’evento “Danza e parole contro la violenza di genere” è articolato in due incontri. Il primo il 13 novembre dalle ore 18 alle 20 con una performance di danza di Aurora Gamberini e letture sugli stereotipi di genere a cura di Manuela Duca che si ripeteranno anche il 25 novembre dalle ore 18 alle 19.

Puglia

  • Taranto, 23 novembre dalle 16.45 alle 18.45 alla Biblioteca Comunale Acclavio si terrà il reading "L'innominata" a cura dell'associazione Ethra Accademia sociale di Taranto, per riflettere insieme sulla relazione uomo/donna. Per prenotazioni chiamare il numero 345.6317709

 

"Noi ci spendiamo, e tu?" è uno dei progetti sociali che i soci possono sostenere attraverso il programma Per tutti per te Coop: acquistando i prodotti della linea a marchio Coop Solidal, che offre opportunità di sviluppo a produttore internazionali in condizioni di svantaggio, l'1% del ricavato verrà destinato al sostegno dell'evento. 

 

Scopri di più


QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE

Alcuni cookie sono tecnici perchè necessari al corretto funzionamento del sito, altri cookie sono di profilazione per assicurare un’esperienza di visita coerente con i tuoi gusti, e altri sono di Terze Parti. Maggiori informazioni anche riguardo il loro monitoraggio e  disabilitazione sono disponibili nella Cookie Policy

 

Clicca su Accetta o naviga il sito per dare il tuo consenso all’uso dei cookie

Inserisci ora il codice OTP che trovi nel messaggio SMS che ti è stato inviato.
Non hai ricevuto l'SMS?
Richiedi nuovo invio
Richiesta effettuata con successo
Non hai ricevuto l'SMS? Chiedi un altro codice

Non ricevi più SMS sul quel numero?

Recati in negozio e comunica a sportello il nuovo numero per poter riabilitare la funzionalità OTP. Questo passaggio è necessario per garantire la sicurezza delle future operazioni che svolgerai.

Operazione completata con successo