Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, facendo lo scroll di pagina o cliccando su qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso di cookie.

E!STATE LIBERI!

I campi di impegno e formazione di Libera

I soci, portavoci di legalità

Volontari per una settimana, ma portavoci di una cultura fondata sulla legalità e sul senso civico per il futuro. Questo è il senso del campo di formazione e impegno sui terreni confiscati alle mafie che Coop Alleanza 3.0 e Libera Terra  hanno organizzato questa estate, per il sesto anno consecutivo: un’esperienza di cittadinanza attiva per 15 giovani soci della Cooperativa tra i 18 e i 40 anni che dal 30 luglio al 5 agosto sono andati a Mesagne, in Puglia, presso la Masseria Canali gestita dalla Cooperativa Sociale Terre di Puglia-Libera Terra. Perché essere soci di Coop Alleanza 3.0 è anche un’opportunità di partecipazione al movimento per l’affermazione dei valori di legalità, verità e giustizia.

L'ESPERIENZA

"Parti per dare qualcosa, torni con un bagaglio più ricco di quello che portavi"

Entriamo in Campo!

Sveglia alle 5 del mattino (“sì ma non pesa”). C’è il pulmino che ti aspetta per accompagnarti a visitare i vigneti e i lavoratori della Cooperativa che ti insegnano a costruire un impianto di irrigazione per i carciofi. E dopo una mattinata di fatica, il pranzo è servito: ci scappa pure una tiella di riso, patate e cozze! I pomeriggi e le serate sono dedicate agli incontri. Testimonianze, come quella di Pinuccio Fazio, padre di Michele, vittima innocente delle mafie, o del magistrato Raffaele Casto. Ma anche visite a luoghi simbolo della rinascita come l’Ex Fadda di San Vito dei Normanni, o dibattiti sul caporalato, i giovani e il lavoro, affrontati insieme a sindacati ed enti locali. Ma non è tutto: vista la bellezza del luogo, un tuffo in mare non lo si nega a nessuno…e che mare quello della Riserva Naturale Statale di Torre Guaceto!

NE È VALSA LA PENA!

Parola di volontario

Francesco, 30 anni

“Se sei interessato a queste tematiche e ti vuoi spendere è sicuramente il miglior modo per farlo…Quelli come me, che vengo da Bologna, la mafia la percepiscono come qualcosa che non ti tange, è al sud, mentre durante il campo ho capito l’importanza di sentirci più come una comunità. Ho conosciuto tante persone, di età e regioni diverse, con cui potermi confrontare su certi temi che non affronti quotidianamente: questo ti permette di conoscerti meglio e scoprire lati di te che non sapevi di avere” 

Ilaria, 32 anni

“Ero partita con grandi aspettative, pensavo di andare lì per portare qualcosa e invece sono tornata con un bagaglio più grande di quello che avevo. Abbiamo aiutato nei campi, abbiamo toccato con mano la fatica, e quando mi hanno fatto notare che se fossimo stati sotto caporalato, avremmo guadagnato 5 euro per una giornata così (il costo di una birra media, per intenderci), ho capito che una bottiglia di pomodoro non può costare poco.” 

Storia del bene confiscato

Mesagne è simbolo di una città che ha saputo reagire ai soprusi della criminalità organizzata, che in quello stesso territorio ha avuto le sue radici. Dal 2008 la cooperativa Terre di Puglia- Libera Terra ha preso in gestione i terreni confiscati negli anni ’90 dal boss Carlo Cantanna, diventando un esempio di come si possa produrre prodotti di eccellenza lavorando nella legalità, nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dell'ambiente. Nel 2014, dopo la ristrutturazione che ha coinvolto cittadini e istituzioni, è stata rimessa a nuovo anche la Masseria Canali: un podere che ospita colture biologiche di cereali, ortaggi e legumi, e funge da luogo d’incontro di saperi, culture e tradizioni per tutta la comunità.

 

La comunità

I progetti sociali e solidali per contribuire allo sviluppo delle comunità.

Iscriviti alla newsletter

Vuoi ricevere le promozioni e gli sconti attivi, le offerte del volantino sempre aggiornate e rimanere in contatto con Coop Alleanza 3.0? Iscriviti alla nostra newsletter!